sabato 31 dicembre 2011

Happy new year, happy new year

Dicembre sta finendo / e un anno se ne va avrebbero potuto cantare i Righeira. Anche l'anno di (dis)grazia 2011 sta agonizzando, e un 2012 foriero di peggiori promesse bussa al portone. Non so come andrà a finire, anche se ho qualche sospetto; quello che è certo è che in giro si percepisce una gran paura per il futuro. Pensavamo di essercela scampata bella una dozzina di anni fa, con la diceria del "Mille e non più mille", e puntualmente l'ansia è arrivata. Forse non sarà l'anno in cui finirà il mondo, come avrebbero previsto i Maya (che comunque sono finiti un bel pezzo prima, poche balle), ma molti di noi nutrono paure ben più concrete ed immediate: impoverimento, perdita del lavoro, difficoltà a "campare la famiglia". Dall'alto (no, non così in alto: un po' più giù, dalle parti di Palazzo Chigi) ci rassicurano che sarà dura, ma il peggio è alle spalle. Altri avvertono che se il peggio è stato questo, ci sarebbe da metterci la firma. Ci vivrà, vedrà.

Il mio 2011 non è stato malvagio: sono andato a qualche convegno, ho rivisto gli amici, ho fatto davvero tante vacanze (meglio una gallina oggi che un uovo domani, devo aver pensato) in montagna e al mare. Ci credereste che porto ancora i segni delle vesciche di Varigotti? Va beh... Naturalmente ho anche lavorato, e l'ultimo mese dell'anno mi ha portato una soddisfazione a cui ormai non credevo più.

Certo, ci sono stati anche i giorni tristi e spiacevoli, ma è la giostra della vita, no?  Se proprio devo cercare un atteggiamento che vorrei correggere, è soprattutto la tendenza a bastare a me stesso. Sia professionalmente, sia privatamente, sto riscontrando un peggioramento della mia istintiva propensione a fare tutto da me, molto probabilmente per paura di essere deluso dagli altri. Siccome so bene che è impossibile vincere senza partecipare alla gara, vorrei impegnarmi ad aprirmi maggiormente verso l'esterno. Ecco, ho fatto il mio buon proposito per il nuovo anno che verrà.

A tutti un augurio di buon anno!

venerdì 30 dicembre 2011

No news, good news

È vero, sto trascurando il blog. In realtà sono impegnato in un lavoro di cui non voglio parlare, per scaramanzia. No, non sono diventato un killer e nemmeno un mercenario :-)

mercoledì 21 dicembre 2011

La perfezione dei teoremi

Stamattina ho letto questo post sul blog della scrittrice (e novella Ph.D. in astrofisica) Licia Troisi. Quando sono arrivato alla descrizione della lode mancata per aver confuso i periodi delle RR Lyrae, mi è tornata in mente una frase ascoltata dalla voce del mio professore di Fisica Matematica (anno del Signore 1997, più o meno):
Non importa ricordare le dimostrazioni dei teoremi, ma è indispensabile ricordarne gli enunciati.

Questa teoria non mi ha mai convinto, e men che mai potrei penalizzare uno studente che confonde, in sede d'esame, un contenuto puramente convenzionale. Prendiamo, a titolo di esempio, il celebre teorema di esistenza degli zeri per una funzione continua $latex f \colon \mathbb{R} \to \mathbb{R}$.
Teorema. Ogni funzione continua, definita in un intervallo $latex [a,b]$, che cambia segno agli estremi dell'intervallo, possiede almeno uno zero interno all'intervallo.

Questo teorema, invero utile, possiede almeno due dimostrazioni più interessanti ed utili dell'enunciato stesso. Sia che si dimostri con un metodo di bisezione, sia che si scelga l'approccio topologico basato sulla connessione degli intervalli, l'argomento dimostrativo arricchisce la mente più della memorizzazione del testo. Potrei fare esempi più raffinati, ma sarebbe superfluo. Il messaggio della matematica, secondo me, è che la comprensione è più potente della lettura.

D'accordo, se uno studente sostiene che tutte le funzioni continue sono derivabili, è un brutto segnale; ma occorrerebbe approfondire ed escludere la confusione linguistica causata, forse, dalla tensione nervosa. D'altronde, quante volte ho ripetuto l'aggettivo sbagliato durante un seminario, semplicemente perché ero nervoso e le parole uscivano più veloci delle connessioni sinaptiche!

Il bello della matematica, per fortuna, è che non esistono matematici perfetti ma nemmeno teoremi perfetti. Tutto ha un contesto, tutto ha una validità dalla quale non possiamo prescindere. Prima i giovani scienziati se ne fanno una ragione, prima smetteranno di aver paura della matematica.

lunedì 19 dicembre 2011

So you Want to Get a PhD in the Humanities





No, You Cannot be a Professor

In a way it is the greatest compliment a student can give. I ask them what they want to do with their history degree. They get all passionate and earnest and vulnerable as they answer, "I want your job. I am going to be a college professor!" Then they turn their smiling faces towards me, expectantly awaiting my validation and encouragement of their dreams. And I swallow hard, and I tell them....
No, my esteemed student, you are not going to be a history professor. It isn't going to happen. The sooner you accept this the better.

This is not because you are not bright enough. You are plenty bright. In any case, finishing a Ph.D. program is more a matter of persistence than intelligence. The reason you are not going to be a professor is because that job is going away, and yet doctoral programs continue to produce as many new Ph.D.s as ever. It is a simple calculation of odds--you are not going to win the lottery, you are not going to be struck by a meteorite, you are not going to be a professor. All of these things will happen to someone, somewhere, but none of them will happen to you.

First, let's look at the odds. Tenure track jobs are declining. The AHA recently reported that "The number of job openings in history plummeted last year, even as the number of new history PhDs soared. As a result, it appears the discipline is entering one of the most difficult academic job markets for historians in more than 15 years." And the job market was terrible 15 years ago. Very few of the people in history PhD programs right now are going to get teaching jobs--the Economist recently concluded that "doing a PhD is often a waste of time."

Not you.
Ah, but you say, I am special. I am a 4.0 student (except in your class where you gave me that 3.8 and ruined my life). Every teacher since kindergarten has told me how delightfully clever I am. I have interesting ideas and I really really love history. I know how hard it is to become a professor, but I am willing to work hard, so those odds do not apply to me.

Yes they do. The thing about grad school is that everyone else is at least as special as you, and most of them are more so. They all had 4.0 GPAs, they all have gone through life in the same insulating cocoon of praise, they all really, really love history. Hell, some of them shoot rainbows out of their butts and smell like a pine forest after a spring rain--and they mostly aren't going to get jobs either.

I know that some of your other professors are encouraging your dreams of an academic career. It is natural to turn to your professors for advice on becoming a professor, and it natural for them to want to see you succeed. Remember though that we 1) mostly have not been on the job market lately and 2) in any case are atypical Ph.D.s in that we did land tenure track positions. To return to the lottery analogy, it is like asking lottery winners if you should buy a ticket. For our part, there is a lot of professional satisfaction in mentoring some bright young person, encouraging their dreams, writing them letters of recommendation and bragging of their subsequent acceptance into a good doctoral program. Job market? What job market?

Your professors are the last generation of tenure track faculty. Every long-term educational trend points towards the end of the professoriate. States continue to slash funding for higher education. Retiring professors are not replaced, or replaced with part-time faculty. Technology promises to provide education with far fewer teachers--and whether you buy into this vision of the future or not, state legislators and university administrators believe. The few faculty that remain will see increased service responsibilities (someone has to oversee those adjuncts!), deteriorating resources and facilities, and stagnant wages. After ten years of grad school you could make as much as the manager of a Hooters! But you won't be that lucky.
Also not you.

For a more accurate gauge of the job market speak with some of the people you find adjuncting at your university. Ask them about the pay and benefits they get for the hours worked--most are earning little more than minimum wage with no benefits. Or head over to the well of bitterness and despair that is Adjunct Nation, and peruse the articles on topics such as Avoiding Freeway Flyer Burnout or Kent State Faculty Senate Opposes Collective Bargaining For Part-time Faculty. This a far more likely vision of your future than is the happy mid-career faculty member who biked to work yesterday and met you in her sunny office with the pictures of her European vacation on the wall.

Finally, I want to look at one factor that is too-little addressed in these discussions: the opportunity costs spending 6-10 years preparing for a career that, even in the event of your actually landing a tenure-track job somewhere (and again, that is not going to happen) will leave you hundreds of thousands of dollars in the hole compared to your friends who started professional careers right out of their undergrad program. In six years you could have entered a career, risen to mid-rank, bought a house, and had your IRA off to a healthy beginning. If you go on for a PhD, instead you will find yourself with student loan payments equivalent of a home mortgage but no home (and no equity), no retirement savings, and banking on the thin chance of landing a job in some part of the country usually only seen on American Pickers. The opportunity costs are at least a million dollars. You don't care now, because you are young, but you will.

So no, my bright-eyed young scholar, you are not going to be a history professor. That is not to say that you cannot work with history. There are some great jobs in public history--working for local government, or federal agencies, or museums, or as an independent contractor, or a hundred other things. These jobs are also competitive and hard to break into, but there are more of them and you only need an MA. Or you could get certified and teach history in the public schools--again, quite competitive but not nearly so much as college teaching. Good luck!

(Tratto da http://northwesthistory.blogspot.com/2011/11/open-letter-to-my-students-no-you.html)

venerdì 16 dicembre 2011

Scioperi, scioperanti e scioperati

Ogni volta che c'è uno sciopero, mi tocca litigare con qualcuno. Leggendo molte notizie provenienti sia dall'Italia che dall'estero, ho sempre guardato con meraviglia l'atteggiamento dell'italiota medio di fronte alle astensioni dal lavoro. Essenzialmente, prevale l'egoismo: come si permettono quei farabutti di condizionare la mia giornata?
Essendo piuttosto francofilo, ed essendo noto che in Francia gli scioperi vanno avanti per intere settimane, questo senso di offesa personale mi infastidisce alquanto. Io non sono un accanito scioperante, anche perché lavoro in un settore dove i disagi dello sciopero possono essere minimizzati senza sforzo. Ovviamente preferirei che nessuno scioperasse, grazie ad un mondo del lavoro meno avido e più umano. Non essendo possibile, almeno nel nostro Paese, quasi sempre solidarizzo con le categorie che protestano. Ecco, gli scioperi selvaggi meriterebbero punizioni severe, ma non dobbiamo dimenticare che allo sciopero consegue una perdita secca di stipendio che merita rispetto. Molto spesso chi si astiene dal lavoro paga due volte per difendere un diritto: la prima volta perché ha perso il diritto, la seconda volta perché sta chiedendo di riaverlo.
Sarebbe bello che un tribunale del lavoro giudicasse nel merito le ragioni dello sciopero: se il datore di lavoro ha realmente violato un principio o una legge, dovrebbe restituire ai lavoratori danneggiati anche le giornate di sciopero. Questo non si applicherebbe ai rinnovi contrattuali, ma penso che ne vedremmo delle belle. Purtroppo così non è, e il povero lo prende sempre in saccoccia.
Comunque sia, trovo sconfortante che in Italia ogni occasione sia buona per accanirsi contro qualcuno: è una lotta fra poveri per compiacere i potenti. È l'animo servile che ci portiamo dietro da mille anni.

giovedì 15 dicembre 2011

Nuovi e vecchi organi

Le vacanze si avvicinano, e il clima invita a dedicarsi ad alcune riflessioni che altrimenti avremmo poco tempo di fare.


Un altro anno se ne sta andando (e accademicamente già siamo nell'anno nuovo), ho partecipato a dozzine di riunioni di vari organi: dipartimento, corso/i di laurea, facoltà. Il riordino delle strutture universitarie prevede l'eliminazione delle attuali facoltà e il trasferimento di buona parte dei doveri ai singoli dipartimenti. Se mai ci fosse un'idea relativamente intelligente nella legge di riforma, forse è proprio questa. Attualmente un consiglio di facoltà è composto da svariate decine di persone (dipende ovviamente dalla consistenza numerica del corpo docente e ricercatore) che si riuniscono periodicamente (qui una volta al mese, altrove più raramente) per deliberare. Concretamente, le decisioni sono negoziate a livello più basso (dipartimenti e/o consigli di corso di laurea) e presentati per l'approvazione in facoltà. Ne consegue che il contenuto di molti consigli di facoltà è:



Cari colleghi, blah blah blah blah… Contrari? Astenuti? È unanime, grazie!



Se ne esce con la sensazione di una mera ratifica, il che spesso è proprio la verità e non c'è alcunché di sbagliato: come faccio io, matematico, ad esprimere un giudizio sensato sulle decisioni di un dipartimento di bioscienze o di informatica? Raramente ho gli strumenti per entrare nel merito, e quindi mi fido (cioè approvo) le proposte di chi è addentro e competente. Il risvolto sottilmente sgradevole è che proprio il consiglio di facoltà è l'organo sovrano che delibera, e se ne assume la responsabilità. Quindi mi fido ma garantisco di aver votato secondo coscienza.


Per questa ragione, non vedo l'ora che il trasferimento delle competenze dalle facoltà ai dipartimenti (eventualmente organizzati in scuole o similia) sia effettivo: in un consiglio di dipartimento è più agevole discutere e confrontarsi, anche perché i temi interessano spesso la quotidianità professionale dei singoli docenti e ricercatori. Forse non serviva un ministro con gli occhi a fessuretta (come dice Caterina Guzzanti nelle sue parodie) per fare questa riforma specifica, ma ormai ce l'hanno data (la riforma) e ci tocca adeguarci.

Natale

Mancano dieci giorni a Natale. Per una volta, tanto per assaporare il gusto, non potremmo cancellarlo?

lunedì 12 dicembre 2011

Rebus sic stantibus

Sabato, la popolare rubrica di Michele Serra sul quotidiano La Repubblica ricordava un fenomeno sociologico che possiamo riassumere così: a forza di parlare di economia, avremmo voglia di regalare tutti i nostri averi e fuggire nella natura, alla ricerca di valori più sani del denaro. A dimostrazione che Serra è un ottimo osservatore, in questi giorni ho sperimentato lo stesso fenomeno, a volte anche sulla mia pelle. Ecco tre profili che ho incontrato recentemente: per risparmiare fastidiose acrobazie linguistiche, mi esprimerò al maschile.

 

  1. il giovane (almeno secondo i nostri parametri) precario, che ha la flessibilità scolpita nell'istinto, ed è rassegnato a (genu)flettersi per poter sopravvivere alle massacranti richieste di maggiore flessibilità. Questa fenomenologia è probabilmente in espansione, e temo che diventerà una conditio sine qua non nei prossimi anni.

  2. L'attempato, spesso pensionato, che ormai si nutre di pane e quotidiani economici. È sprofondato nel terrore di non poter pagare la spesa al supermercato, e poco valgono le rassicurazioni che la sua pensione non sarà toccata (almeno direttamente). Questa fenomenologia è comprensibile, ma si associa spesso al paradosso della politica anagrafica: dopo i 70 (anni di vita), scivoliamo inevitabilmente a destra. Il settantenne-tipo ha sempre votato PCI, eppure minaccia di impugnare un'arma perché è stata ripristinata la tassazione sulla prima casa. Peccato che, fino a ieri, lo stesso settantenne accusava il governo precedente di aver ridotto sul lastrico i comuni proprio con l'abolizione della tassa sulla prima casa... La stessa persona, sovente, è pronta a sfoderare accuse di incostituzionalità contro i provvedimenti di tracciabilità del denaro; in pratica, questa persona vorrebbe che l'onestà trionfasse per natura, dalla sera alla mattina. Tutto bello, ma sfugge un piccolo particolare: non funziona mai così. Penso che questa categoria di individui segua un comportamento assolutamente istintivo, soprattutto in una nazione dove la roba è considerata sacra ed inviolabile. Quindi: lo Stato deve scovare gli evasori, ma senza rompere le palle a me.

  3. L'uomo adulto (fra i trenta e i quaranta, che noi italiani chiamiamo giovane dal lunedì al mercoledì e uomo maturo dal giovedì alla domenica) che constata amareggiato: l'unica differenza fra un governo tecnico e una dittatura è che nel primo caso non ti uccidono se critichi il dittatore. Spesso, questo individuo è animato da idee molto progressiste e quasi rivoluzionarie; il desiderio di vivere in una società più giusta ed equa è prevalente sull'indignazione fine a se stessa. Questa fenomenologia sfocia troppo spesso nel nichilismo, poiché il concetto di società giusta appare sfuggente e troppo soggettivo.


 

A me pare di leggere, in filigrana, un comune atteggiamento, che io definisco “da soap opera”. Avete presente, per fare un nome, Un posto al sole, il popolare teleromanzo della RAI? In questi prodotti televisivi, qualsiasi situazione, dall'adulterio all'omicidio, è risolta con un abbraccio e una lacrimuccia. Poi basta, l'amore e il perdono trionfano su tutto. I tre fenomeni (in senso tecnico) descritti sopra penso che cerchino esattamente questa forma di perdono: non importa se per quarant'anni abbiamo mandato in pensione i funzionari dopo diciannove anni di servizio, o se abbiamo creduto di poter comprare due automobili e tre appartamenti accumulando mutui senza alcuna copertura finanziaria: vorremmo che qualcuno, una sorta di mamma, ci abbracciasse e ci dicesse che ci ha perdonato, e che non dovremo pagare le conseguenze.

Breve inciso: è evidente che il signor Giacomino o la signora Teresina – italiani pescati dal mazzo – non hanno particolari colpe; il mio discorso è sociale, non particolare. Incrociando vari dati statistici mondiali, sembra che l'Italia sia una delle democrazie più corrotte del pianeta. Avete letto bene? Democrazia corrotta: un'accoppiata letale, perché significa che la corruzione è complessivamente tollerata dagli elettori.

 

Chiusa parentesi, torniamo a noi. Si parlava del desiderio di perdono, tipico dei bambini che combinano qualche pasticcio. Ma, oltre le apparenze, noi italiani siamo un popolo di perdonatori: perdoniamo perfino i criminali più meschini, ci sentiamo Don Matteo in confessionale. “Li ha perdonati?”, chiede il cronista alla madre che ha perso un figlio per mano di un assassino o di un pirata della strada. Certo, c'è molto cattolicesimo in questa tensione verso il martirio: provate un po' a chiedere ad un protestante di perdonare un serial killer, e potrebbe mettersi a costruire una sedia elettrica con le proprie mani.

Ma credo che il perdono, per noi italiani, sia sempre una dimostrazione del medesimo desiderio di essere migliori del proprio vicino: visto come sono nobile, adesso che ho perdonato chi mi ha ferito? Tu no, sei un poveraccio, perché ti ostini a cercare giustizia invece di trovare pace nel perdono. Ecco, il cerchio si chiude: noi italiani siamo degli individualisti fin dalla nascita, tutta la nostra società è fondata sul modello dell'arrivista di successo. Non siamo tutti sfaticati, e anzi molti di noi si spezzano la schiena come somari; ma non lo facciamo perché stiamo costruendo una società equa, lo facciamo perché vogliamo la roba, sempre più roba. Per noi, e gli altri... che si arrangino!

giovedì 8 dicembre 2011

Confermo quello che ho scritto

In questi giorni di vacanza, leggo con più calma i giornali. Quasi quotidianamente, appare una lettera di precisazioni sui contenuti di un precedente articolo. La successione degli eventi è all'incirca questa:
1) io giornalista Pinco Pallino scrive un articolo, dove il signor Mario Rossi è accusato di comportamento scorretto
2) il signor Mario Rossi, l'indomani, scrive al quotidiano e sostiene di poter dimostrare che le accuse sono infondate.
3) Il giornalista Pinco Pallino risponde: "Confermo tutto ciò che ho scritto ieri".

Non voglio certamente schierarmi dalla parte dell'accusato, perché sappiamo che ogni criminale si proclama innocente come un neonato. Ma è possibile che mai, nemmeno una volta, il giornalista Pinco Pallino si sbagli? Possibile che tutte le sue inchieste siano vere oltre ogni ragionevole dubbio? Possibile che i giornalisti siano più infallibili del Papa che parla ex cathedra?

I giornali di provincia sono ancora più ambigui. Dalle mie parti scelgono un argomento e ne fanno una crociata: questa settimana il prezzo delle zucchine, la prossima i ritardi dei treni, fra quindici giorni forse il cattivo odore che i cittadini sentono in via Roma. Ogni volta, dati alla mano, si alza il ditino accusatore verso qualcuno, che non può nemmeno cercare di difendersi perché verrebbe trattato come un minore incapace. Dalle mie parti, si sa, la ragione è sempre dalla parte della Chiesa, e guai a chi parla male del prevosto. Certo, poi salta fuori che la curia della provincia di *** è azionista di maggioranza del quotidiano, e allora qualche sospetto viene anche al più papista dei papisti.

mercoledì 7 dicembre 2011

Scelte multiple

No, non è l'inizio dei miei soliti articoli sentimentali. Sto parlando di test a risposta multipla, quello che in italiano accademico si chiama multiple choice test.
Ormai da anni li utilizzo come compitini (cioè prove parziali pre-esame) per offrire ai miei studenti la possibilità di spezzare l'esame scritto in due, e premiare coloro che decidono di studiare progressivamente la mia materia. Quest'anno ho introdotto alcune novità: al posto dei dieci quesiti in due ore, ho proposto cinque quesiti in un'ora. Ogni quesito consiste di tre affermazioni/domande, una sola delle quali è corretta. Per scoraggiare la pratica di sparare a caso le risposte, assegno due punti alla scelta corretta, nessun punto se il quiz è lasciato in bianco, e sottraggo un punto per la risposta sbagliata. Questo rende equo il gioco, perché non dovrebbe essere vantaggioso affidarsi alla sorte.
L'andamento dei risultati è stato complessivamente accettabile, e i parametri statistici nella norma. Come d'abitudine, noto una certa tendenza ad esasperare il risultati eccellenti e quelli insufficienti: è colpa mia, evidentemente faccio fatica a rivolgermi allo studente medio. La polarizzazione dei voti non è, in astratto, un buon segno: la distribuzione dei voti dovrebbe seguire la celebre campana di Gauss, dove la consistenza numerica si concentra sui voti medi, mentre gli studenti bravissimi e quelli meno bravi dovrebbero essere minoranze. Nei miei esami ho sempre notato una sostanziale piattezza della curva, sintomo che probabilmente stimolo gli studenti più volenterosi ma non riesco a far cambiare opinione ai diffidenti (la matematica fa sempre paura).

Ma, lasciando da parte la statistica, mi sono interrogato a lungo sull'opportunità di fare i test a risposta multipla. Su Wikipedia si trovano articoli molto interessanti che trattano delle problematiche della valutazione (assessment in inglese), e il giudizio sui quiz è neutro: ci sono vantaggi e svantaggi). Anche senza essere un sociologo, si intuisce che un quiz riesce a valutare le conoscenze ripetitive, meccaniche, standard. È invece difficile valutare le capacità creative e di problem solving con un test a crocette.
Filosoficamente, eviterei questa modalità, perché mi piacerebbe che la matematica standard e ripetitiva, con tutte le tecniche di calcolo a mente scollegata, venisse insegnata nelle scuole superiori. Per uno studente universitario, la matematica dovrebbe essere soprattutto l'allenamento al metodo scientifico, basato sul rigore dei ragionamenti e sul rispetto della logica. Più che saper risolvere cento integrali simili, preferirei insegnare a isolare e a sviluppare criticamente le idee alla base della matematica moderna.
Purtroppo non viviamo in un mondo perfetto, e neppure in un mondo particolarmente attento al pensiero critico. Per evitare un conflitto di coscienza profondo, propongo quiz meditativi, dove l'automatismo della mano che impugna la penna non dovrebbe prevalere sui messaggi del cervello. Difficile dire se faccio bene, e quanta efficacia abbiano i miei compitini. Ma in ogni caso, nessun rimorso. Beh, magari devo imparare a togliere gli errori di battitura nei testi dei quiz, questo sì...

giovedì 1 dicembre 2011

Regio decreto

In questi giorni ho partecipato, soprattutto come uditore, ad ampio dibattito sul nuovo regolamento didattico del mio ateneo e sulla verbalizzazione informatizzata degli esami di profitto. Il regolamento è, o sarà a breve, disponibile in rete, e può essere considerato di pubblico dominio. In futuro, le commissioni d'esame saranno costituite da (almeno) due commissari, scelti da un elenco di docenti e/o cultori della materia approvato dal signor preside di facoltà.

Di solito, quando sono spinto a leggere questi regolamenti, ho la curiosità di risalire ad eventuali leggi dello Stato che regolino la materia. Grazie alla dedizione di un collega, sono arrivato ad un Decreto Regio del 4 Giugno 1938. Riporto qualche stralcio interessante qui sotto.
ART. 39. GLI ESAMI PRESSO LE UNIVERSITÀ O ISTITUTI SUPERIORI SONO:

A) DI PROFITTO;

B) DI LAUREA O DIPLOMA.

GLI ESAMI DI PROFITTO DEBBONO ESSERE ORDINATI IN MODO DA ACCERTARE LA MATURITÀ INTELLETTUALE DEL CANDIDATO E LA SUA PREPARAZIONE ORGANICA NELLA MATERIA SULLA QUALE VERTE L'ESAME, SENZA LIMITARSI ALLE NOZIONI IMPARTITE DAL PROFESSORE NEL CORSO CUI LO STUDENTE È STATO ISCRITTO.

LA STESSA NORMA VALE PER GLI ESAMI DI LAUREA E DIPLOMA.

ART. 40.

LE DUE SESSIONI D'ESAME, DI CUI ALL'ART. 164 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI SU L'ISTRUZIONE SUPERIORE, SI RIFERISCONO ENTRAMBE ALLO STESSO ANNO ACCADEMICO ED HANNO NORMALMENTE LA DURATA DI UN MESE.

GLI ESAMI DI OPERAZIONE SUL CADAVERE POSSONO ESSERE ANTICIPATI AL MESE DI MAGGIO CON DELIBERAZIONE DELLE SINGOLE FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA.

IN OGNI SESSIONE SI INDICONO ALMENO DUE APPELLI IN GIORNI NON CONSECUTIVI.

ART. 41.

PER ESSERE AMMESSO AGLI ESAMI DI PROFITTO, LO STUDENTE DEVE COMPROVARE DI AVERE PRESO ISCRIZIONE ALLE CORRISPONDENTI MATERIE E DI AVERNE OTTENUTO L'ATTESTAZIONE DI FREQUENZA.

PER ESSERE AMMESSO AGLI ESAMI DI LAUREA O DIPLOMA, LO STUDENTE DEVE COMPROVARE DI AVERE FREQUENTATO IL RISPETTIVO CORSO DI STUDI PER IL NUMERO DI ANNI PRESCRITTO, DI AVERE SUPERATO TUTTI I PRESCRITTI ESAMI DI PROFITTO E DI AVERE PAGATO TUTTE LE TASSE, SOPRATASSE E CONTRIBUTI, O DI ESSERNE STATO DISPENSATO.

EGLI DEVE, PER OGNI SESSIONE, PRESENTARE LA DOMANDA RELATIVA, ENTRO IL TERMINE STABILITO DAL RETTORE O DIRETTORE.

ART. 42.

LE COMMISSIONI PER GLI ESAMI DI PROFITTO SONO NOMINATE DAL PRESIDENTE DELLA FACOLTÀ; QUELLE PER GLI ESAMI DI LAUREA O DIPLOMA DAL RETTORE DELL'UNIVERSITÀ O DIRETTORE DELL'ISTITUTO, UDITO IL PRESIDE DELLA FACOLTÀ.

LE COMMISSIONI PER GLI ESAMI DI PROFITTO SONO COMPOSTE DI TRE MEMBRI: IL PROFESSORE UFFICIALE DELLA MATERIA, PRESIDENTE, UN PROFESSORE UFFICIALE DI MATERIA AFFINE, E UN LIBERO DOCENTE O CULTORE DELLA MATERIA. QUANDO UN INSEGNAMENTO, IMPARTITO DA UN PROFESSORE UFFICIALE, È COMUNE AGLI STUDENTI DI PIÙ CORSI DI LAUREA O DIPLOMA, APPARTENENTI A DIVERSE FACOLTÀ, ANCHE LA COMMISSIONE DI ESAME È COMUNE, ED È NOMINATA, QUANDO PER TALE INSEGNAMENTO SIA ISTITUITO POSTO DI RUOLO, DAL PRESIDE DELLA FACOLTÀ CUI DETTO POSTO APPARTIENE; QUANDO INVECE ALL'INSEGNAMENTO NON CORRISPONDA POSTO DI RUOLO, DAL PRESIDE DELLA FACOLTÀ CHE HA PROPOSTO L'INCARICO.

LE COMMISSIONI PER GLI ESAMI DI LAUREA O DIPLOMA SONO COSTITUITE DI PROFESSORI UFFICIALI, IN MAGGIORANZA, E DI LIBERI DOCENTI O CULTORI DELLE DISCIPLINE CHE FANNO PARTE DELLA FACOLTÀ. DI REGOLA IL NUMERO DEI COMPONENTI È DI UNDICI; MA PUÒ ESSERE RIDOTTO, IN CASO DI NECESSITÀ, FINO A SETTE.

ART. 43. GLI ESAMI DI PROFITTO E GLI ESAMI DI LAUREA O DIPLOMA SONO PUBBLICI.

OGNI MEMBRO DELLA COMMISSIONE ESAMINATRICE DISPONE DI DIECI PUNTI.

IL VOTO DI SEMPLICE IDONEITÀ È INDICATO CON SEI DECIMI DEL TOTALE DEI PUNTI DI CUI LA COMMISSIONE DISPONE. LO STUDENTE È APPROVATO A PIENI VOTI LEGALI, SE OTTIENE I NOVE DECIMI DEI PUNTI; A PIENI VOTI ASSOLUTI, SE CONSEGUE LA TOTALITÀ DEI PUNTI.

IN CASO DI PIENI VOTI ASSOLUTI, LA COMMISSIONE PUÒ CONCEDERE LA LODE, CHE DEVE ESSERE DELIBERATA ALL'UNANIMITÀ.

LO STUDENTE CHE SI RITIRI DURANTE UN ESAME È CONSIDERATO RIPROVATO.

LO STUDENTE RIPROVATO NON PUÒ RIPETERE L'ESAME NELLA MEDESIMA SESSIONE.

Lo stesso collega ha scovato una sentenza recente (anni '90 del secolo XX), la quale dichiara superati dalla prassi alcuni articoli e commi della legge del 1938. Quindi non voglio affrontare discussioni probabilmente già superate dalla realtà, bensì pubblicare qualche pensiero che ho maturato.

Soffermiamoci sulla commissione degli esami di profitto e di laurea. Sua Maestà il Re d'Italia imponeva che lo studente, ad un esame di profitto, fosse interrogato davanti a tre docenti/cultori della materia, ciascuno dei quali aveva un patrimonio di dieci punti da attribuire. Per inciso, questo spiega la consuetudine italiana di valutare in trentesimi gli studenti universitari. Chiusa questa parentesi, torniamo al tema: in pratica il voto d'esame assomiglia da vicino al punteggio di una gara di tuffi. Nella pratica, come la giustizia civile ha confermato, questo non accade da decenni; personalmente vedrei invece con favore il ripristino della lettera del decreto regio. Certo, le sessioni d'esame sarebbero forse più impegnative e prolungate, ma apparirebbero meno arbitrarie.

Infine, perché non tornare alle commissioni di laurea formate da undici (o da sette, come consentito in casi eccezionali) membri, ciascuno fornito di dieci punti da assegnare al candidato? Ma stavolta davvero, con verbalizzazione del voto espresso e possibilmente con la pubblicazione del relativo verbale. Scandalo? Violazione della sacra riservatezza dei lavori della commissione? A me non sembra: nel mio piccolo ho sempre spiegato de visu ai miei studenti il mio giudizio sulle loro prove d'esame. Credo che sia un atteggiamento apprezzato e più moderno di tante firme elettroniche. In fondo, se ho il diritto di valutare le competenze di uno studente, penso di avere il dovere della trasparenza nel mio giudizio. A me costa assai poco, e perfino respingere uno studente impreparato mi sembra meno spiacevole quando fornisco una spiegazione circostanziata della decisione.